sabato 1 giugno 2013

water&fire

Tanto tempo fa una goccia d’acqua si innamorò di una scintilla di fuoco. La vide mentre scendeva insieme alle sue amiche sotto forma di pioggia. La scintilla giocava nel fuoco della grande bocca del vulcano.
Un giorno il vulcano aveva tutta l’intenzione di esplodere e la scintilla conosceva, dal canto suo, il destino che l’attendeva. Avrebbe dovuto illuminare per quanto più le era possibile la sua zona per poi decidere se tornare nel vulcano e rigenerarsi o lasciarsi andare alla trasformazione.
Non era la prima volta che doveva decidere sul da farsi, ma era la prima volta che pensava di trasformarsi. Quella goccia d’acqua che scendeva così meravigliosa dal cielo qualche giorno prima gli doveva esser sembrata un’ottima ragione per trasformarsi.
La notte era giunta, le prime stelle iniziavano a trapuntare il cielo in attesa della luna, che, indaffarata, correva da una parte all’altra del cielo per svegliare tutte le stelle dormiglione.
In un attimo il vulcano si svegliò. La decisione era presa, quella notte la scintilla avrebbe fatto di tutto.
L’acqua era pronta, la decisione era presa. La goccia aspettava il momento giusto e prese posto.
Tutto pronto, la luna rischiarava una notte meravigliosa. L’attimo arrivò. La scintilla e la goccia si riconobbero.
Fu l’eternità. L’acqua e il fuoco si abbracciarono, si scambiarono le anime e riscrissero la loro storia.
La goccia divenne aria e la scintilla roccia.

1 commento:

  1. Magnifica immagine.
    "Si scambiarono le anime e riscrissero la loro storia".
    Se poi capisci persino chi l'ha apprezzata a tal punto da postare un commento e rimuovere la natura ritrosia all'esposizione....

    RispondiElimina

Visualizzazioni totali