giovedì 24 aprile 2014

ognuno è masochista a suo modo

Domandarsi perché mai mi crocifiggo da sola, scegliendo ogni giorno di continuare a lottare per un lavoro che ancora devo ottenere, che tutti cercano di fuggire, e di cui tutti ti consigliano di mollare, oggettivamente è da masochisti.
Inutile dire che di Simone di Cirene ce ne sono pochi e che la maggioranza delle persone annega da sola, a causa delle proprie scelte. E' evidente quasi a tutti che si scelgono spesso strade sbagliate e che chi riesce, in fondo, è solo colui che ci ha creduto di più o, forse rinunciando ai più grandi voli della mente, ha preferito solide basi per poi trovarsi in un castello alto ben oltre i 50 metri.
Ieri e oggi mi sono trovata a parlare della stessa cosa. Il risultato è stato: interlocutore a) soddisfatto delle scelte lavorative fatte ha ringraziato il Cielo di essere dove si trova e di aver sempre rifiutato di fare altro; interlocutore b) ha pianto metaforicamente sul destino amaro del proprio insano parente e ha posto, più brutalmente, la domanda fatidica "ma se sai che è tutto questo amaro, perché continui?".

Rispondere "perché questo so fare e perché quando lo faccio non devo dare conto a nessuno" oramai sembra non soddisfi più l'interlocutore b). Forse manco quello a) e chissà quanti altri interlocutori.
A quasi 10 anni dal momento del cui sono stata "proclamata dottore" mi ritrovo con una collezione minima e meno blasonata di quanto si pensi di titoli e di pensierini buoni per farci un tema da elementare. Nulla a che vedere con le persone che hanno tutto il diritto di stare incazzate perché questo Stato è piuttosto ingrato.
Forse sono più fortuna che impegnno, più buona sorte che buona volontà. E mi rendo conto di non dovermi neanche più di tanto lamentare.
Allora perché continuo? perché sono masochista.

sabato 5 aprile 2014

percorsi Prima Fermata Linea 1 Metro Napoli new version

Magari un giorno vi trovate a Napoli e, magari, vi aspettate di trovare sempre la stessa cartolina a cui tutti si è abituati. Magari arrivate all'imbrunire di un tranquillo pomeriggio autunnale e vi aspettate nel cuore immagini confortanti e romantiche.
Invece tra un perenne cantiere e un altro, vi trovate a sbirciare qualcosa di diverso
http://instagram.com/p/i4ACcaySRx/

e allora continuate a sbirciare sempre più curiosi...e vi scappa di fotografarlo, quel dedalo, con un flash birichino che rimanda la vostra immagine nello stesso obiettivo che avevate puntato e iniziate a pensare.. cos'è cambiato...?

http://instagram.com/p/i4ACcaySRx/

allora iniziate a scendere, a curiosare... e ancora più giù.... e osservate come immersi in un film..


http://instagram.com/p/jjsk4fySWS/

scoprendo come le prospettive, quasi a 40 metri di profondità, quasi lontano dallo splendore della luce naturale possano cambiare e inaspettatamente divenire lucidissime e attraenti, come una tuta di latex ammiccante e provocante, come la vernice lucida di un'auto potente.

 
http://instagram.com/p/jj1kRLSSSW/

E continuate a girarvi attorno, per capire se la luce vi tira brutti scherzi o siete voi a non sapere più come la luce possa rinfrangersi così, su di una parete di mattoncini neri lucidi... 

http://instagram.com/p/mV6FYCySaA/

Visualizzazioni totali